10 cose (imperdibili) da fare e vedere al Lago di Garda

Nel post di oggi ho voluto raccogliere i miei suggerimenti su 10 cose imperdibili da fare e vedere al Lago di Garda. Ve lo anticipo, gli spunti sono tanti: natura, sport, storia, cultura… ma anche divertimento. Complice la vicinanza a Padova, il Lago di Garda è da sempre una delle mie mete preferite per gite giornaliere o weekend di evasione. L’area vanta un’ampia varietà di attrattive, sia a livello paesaggistico, che storico e culturale.

Basti pensare che, oltre ad essere il lago più grande d’Italia, il Lago di Garda bagna ben tre regioni: Veneto, Trentino Alto Adige e Lombardia. Anche per questo gli scenari che potrete apprezzare sono molteplici: dalla sponda dolce e degradante del versante veneto, a quella praticamente a picco sull’acqua di quello lombardo (penso ad esempio alla scenografica cornice di Limone). Non mancano isole e punti panoramici da cui ammirare il lago dall’alto.

Passeggiare per le vie di cittadine e borghi

La bellezza del Lago di Garda risiede anche nei graziosi paesini che popolano le sue sponde. Una passeggiata lungo le loro vie è, nella sua semplicità, una delle esperienze imperdibili da fare al Lago di Garda. Cittadine piccole ma animate, tutte dotate di bei porticcioli, abbellite da palazzi storici, viuzze ed inaspettati scorci sull’acqua. E’ difficile consigliarvi un paese rispetto all’altro. Vi suggerisco di studiare il vostro itinerario collocandoli sulla mappa: Sirmione, Bardolino, Lazise, Riva del Garda, Limone, Salò, Desenzano, per citare i più importanti.

Non dimenticate che alcune cittadine custodiscono un patrimonio culturale non di poco conto. A Sirmione, ad esempio, non perdete il Castello e la visita all’area archeologica delle Grotte di Catullo, che conserva al suo interno i resti di una delle maggiori ville residenziali dell’Italia settentrionale.

Il porto di Desenzano sul Garda

Il porto di Desenzano sul Garda

Scoprire il lago con un tour in barca

Vi trovate al lago, che ne dite di… levare le ancore? Avete diverse possibilità per navigare il Lago di Garda, ecco le principali:

  • muoversi tra le località costiere con il servizio di ferry pubblico, magari acquistando un biglietto giornaliero (più info qui).
  • aderire ad uno dei tour promossi da compagnie private. Possono occupare una giornata, mezza giornata, o magari un paio d’ore, per ammirare il tramonto. A Sirmione, ad esempio, la scelta è abbastanza ampia sia per compagnie di navigazione che per itinerari proposti.
  • noleggiare una piccola barca a motore, per cui non è necessaria la patente nautica. Se siete un gruppo è una soluzione divertente e nemmeno eccessivamente costosa, soprattutto se si riesce a raggiungere la capienza massima (non più di 7-8 persone, di solito).

Potrebbe interessarti anche: Cosa vedere in Veneto: i 10 posti più belli da visitare nel weekend

Prendere un apertitivo a Punta San Vigilio

Probabilmente uno dei punti più romantici di tutto il Lago di Garda. Punta San Vigilio si trova sulla costa orientale, nei pressi di Garda. Seguendo le indicazioni giungerete a questa stretta penisola, dove originariamente sorgeva un piccolo borgo. Oggi ritroverete la tradizionale locanda (convertita a ristorante ed hotel di lusso), dove però potrete anche semplicemente gustare un aperitivo con vista porticciolo.

Se vi state però chiedendo come trascorrere qualche ora nei dintorni, senza dover rimettere in moto l’auto, la soluzione è a poertata di mano: la penisola è anche sede del Parco Baia delle Sirene. L’ingresso non è dei più economici (nel 2019, in alta stagione, 13 euro per gli adulti), ma è uno dei punti balneabili più belli e meglio attrezzati del Lago di Garda. Come al solito, meglio evitare i periodi di altissima stagione (lo so, odiate leggere questa frase. Anche io.).

Punta San Vigilio ed il suo porticciolo

Punta San Vigilio ed il suo porticciolo

Visitare Isola del Garda

Isola del Garda si colloca sulla sponda bresciana del Lago di Garda, a poca distanza da San Felice del Benaco. L’isola è privata, tuttavia la famiglia Borghese Cavazza accoglie (da marzo ad ottobre) i visitatori, previa prenotazione. La villa, progettata in stile neogotico veneziano dall’architetto Luigi Rovelli, risale ai primi del ‘900 ed è straordinaria. A completare la cornice, terrazze e rigogliosi giardini all’italiana, popolati da fiori e piante, sia locali che esotiche. Davvero uno spettacolo.

Per maggiori info vi rimando al sito ufficiale.

Esplorare il Vittoriale degli Italiani

Per descrivere il Vittoriale le parole dello stesso Gabriele D’Annunzio sono sempre tra le più efficaci:

Ho trovato qui sul Garda una vecchia villa appartenuta al defunto dottor Thode. È piena di bei libri… Il giardino è dolce, con le sue pergole e le sue terrazze in declivio. E la luce calda mi fa sospirare verso quella di Roma. Rimarrò qui qualche mese, per licenziare finalmente il “Notturno”.
– da lettera alla (ex) moglie Maria, febbraio 1921.

Non pensate al Vittoriale come ad un edificio, quanto più ad un complesso di costruzioni, giardini, corsi d’acqua, ed addirittura un teatro all’aperto. Fu eretto tra il 1921 e il 1938 a Gardone Riviera, sulla sponda bresciana del lago di Garda, a memoria delle imprese degli italiani durante la prima guerra mondiale e a celebrazione della stessa vita di D’Annunzio, il “poeta-soldato”. E’ senza alcun dubbio una delle tappe da inserire tra le cose da vedere al Lago di Garda.

Vi suggerisco di includere nella vostra visita la casa del poeta, che ho trovato estremamente interessante. Anche solo per qualche accenno fatto a scuola, ricorderete sicuramente D’Annunzio come un personaggio a dir poco originale. La sua casa lo rappresenta alla perfezione, la guida vi illustrerà aneddoti e particolarità. Da non perdere. Dopo la visita al Vittoriale potete fermarvi a Salò per una passeggiata.

Il complesso del Vittoriale

Pedalare lungo la ciclabile sospesa

Sono stati inaugurati del luglio del 2018 i primi 2km della pista ciclabile sospesa che collegherà Limone sul Garda al confine con il Trentino Alto-Adige. L’opera si inserisce in un progetto ben più ampio che si sarebbe dovuto concludere nel 2021, collegando con una lunga e unica pista ciclabile ben 19 località del Garda. Probabilmente la data è poco realistica (considerato anche il probabile rallentamento subito dall’emergenza COVID-19), ciò non toglie che quando sarà conclusa diventerà la ciclabile più lunga d’Europa, un unico itinerario di ben 140km.

Ad onor del vero la lunghezza attuale è molto limitata e invoglia più i pedoni che i ciclisti. Vi consiglio quindi di percorrerla al fine di godere del bellissimo panorama, e poi deviare verso altri percorsi ciclabili della zona, ad esempio quello che porta alla Forra e che sale verso Tremosine e Tremalzo. Se invece cercate qualcosa di più tranquillo, la ciclabile lungolago tra Garda e Lazise è già presente da anni, anche se ovviamente meno spettacolare.

Soggiornare in un b&b in collina o in un Glamping

Il Lago di Garda offre grande varietà anche dal punto di vista dell’ospitalità. Se siete alla ricerca di completo relax e contatto con la natura, vi consiglio di scegliere uno dei romantici b&b in collina (seguite il link e ne otterrete una selezione), oppure – perchè no? – di vivere un’esperienza insolita e divertente alloggiando in una tenda Glamping. Saranno entrambe esperienze indimenticabili che arricchiranno il vostro soggiorno. La zona del lago è inoltre spesso affollata durante l’estate, scegliere una sistemazione più particolare vi consentirà di evitare la confusione.

Tra i miei b&b preferiti della zona: B&B Garda & Golf

La piscina del romantico b&b Garda & Golf

Ammirare il lago dai punti panoramici

Quello del Lago di Garda dall’alto, soprattutto nelle giornate limpide, è un panorama meraviglioso che non diemnticherete facilmente. Vi consiglio, nello specifico, tre punti panoramici da tenere in considerazione:

  • Monte Baldo, da quasi 1800mt. Prendere la funivia a Malcesine (reputo però il costo un vero furto legalizzato, ad oggi 22 euro a/r)
  • Rocca di Manerba (gratis)
  • Bastione di Riva del Garda (gratis)
Vista panoramica sul lago dal Bastione di Riva del Garda

Vista panoramica sul lago dal Bastione di Riva del Garda

Divertirsi a Gardaland (e altri parchi)

La zona in prossimità del lago, sul versante veneto, è ricca di parchi divertimenti da sempre apprezzati da adulti e bambini. Il più noto è indubbiamente Gardaland, ma non manca il parco acquatico Caneva World e quello dedicato agli appassionati dell’industria di Hollywood, Movieland. I parchi divertimenti possono o meno piacere, personalmente una giornata (o serata) all’anno a Gardaland la trascorro sempre volentieri, anche alla soglia dei miei 30 anni (sigh).

Se visitate il Lago di Garda con i bambini, una tappa qui non può mancare. Se poi volete proprio stupirli, ricordate che è possibile soggiornare al Gardaland Hotel.

Scoprire borghi e laghi nei dintorni

La punta settentrionale del Lago di Garda può diventare anche la porta d’ingresso ad altre località, raggiungibili in poco tempo. Vi segnalo innanzitutto il piccolo ma graziosissimo borgo medioevale di Canale di Tenno e l’omonimo lago. Spingendosi un po’ più a ovest, vi aspettano il Lago di Ledro e l’omonima valle.

Il borgo di Canale di Tenno

Il borgo di Canale di Tenno

Termina qui la mia selezione di 10 cose da fare e vedere al Lago di Garda. Che ne dite? Sarà sincera: da un lato è stato semplice stilare questa lista, l’area è così ricca di attrattive. Per lo stesso esatto motivo non è stato facile scegliere solo 10 cose, ce ne sarebbero molte altre! Credo però che quelle illustrate siano un buon punto di partenza per esplorare la zona, ovviamente a seconda del tempo a disposizione.

Sono certa che una volta trascorso anche un solo weekend nei ditorni, non vedrete l’ora di tornare per “spuntare” tutte le voci della lista.

Martina

About the Author

Martina

Sono Martina, abito a Padova e nella vita, oltre ad essere un’instancabile viaggiatrice, sono una Web Developer a tempo pieno. Amo la fotografia. Spero di riuscire ad ispirare chi, come me, è animato da una grande passione per la scoperta di posti nuovi.

5 Comments

  1. Bravissima e mai banale!

    Mi sono segnata tutto Marti e tengo in considerazione questo preziosissimo articolo per quando finalmente capiterò da quelle parti!!! 🙂

    Un bacione

  2. Il Lago di Garda e i suoi borghi sono davvero un gioiello! Ottime indicazioni, hai fornito punti di riferimento e consigli molto utili specialmente per chi vuole visitare il lago di Garda per la prima volta!
    E’ stato un piacere trovare il tuo articolo nel Best Travel Post di Maggio su Travel365 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *