Erasmus a Londra: i consigli di chi l’ha fatto veramente

  • benedetta_londra

    Facoltà di Farmacia

    Università degli Studi di Padova

    febbraio 2014 – agosto 2014

    “Ogni tanto prendi un autobus a caso, siediti nel piano superiore e lasciati portare in giro.”


    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



    airbnb_30_it
    • Che consigli daresti a chi è in cerca di una casa o alloggio a Londra? Qual è la spesa indicativa mensile per l’affitto?
      Cercare casa a Londra non è così semplice. Generalmente noi italiani partiamo con un budget troppo basso per gli standard londinesi e aspettative troppo alte rispetto a quello che la città offre. Poco dopo aver cominciato la nostra ricerca, per forza di cose, il budget si alza e lo standard qualitativo si abbassa: ci scordiamo il bidet, accettiamo a malincuore la presenza della moquette, ci rassegnamo al water rinchiuso in uno stanzino cieco, separato dal bagno e incominciamo addirittura a considerare un tavolo in cucina come una benedizione!
      Andando con ordine, vediamo prima “COME” cercare casa. Le stanze in affitto si cercano in genere in due siti: Gumtree e Spareroom. In entrambi ci si può registrare, tenere d’occhio le varie offerte per prezzo e zona, inserire preferenze e necessità. Personalmente preferisco Spareroom perchè mi è parso più serio e affidabile, mentre su Gumtree ho trovato parecchie truffe. Consiglio comunque di cercare in parallelo su entrambi i siti, stando attenti a non cascare in offerte eccessivamente allettanti perchè spesso risultano essere una bufala. 😉
      Arriviamo ora alla famigerata questione del “DOVE” e “QUANTO” spendere. A mio parere ci sono due aspetti fondamentali da considerare:
      1. Nelle zone 1 e 2 (centro e aree limitrofe) gli affitti sono molto più alti, ma si paga meno di trasporti. Mentre, più ci si sposta verso l’esterno più gli affitti si abbassano, ma il costo dei mezzi pubblici si alza notevolmente.
      2. Londra è una città enorme, quindi trovare qualcosa vicino al posto di lavoro o di studio è meglio, perché si risparmiano ore che altrimenti si perderebbero negli spostamenti. Forse per un Erasmus è meglio vivere tra la zona 1 e 2, sia perchè è indubbiamente più bello e appagante vivere nel cuore pulsante della città e sia perchè, spostandosi verso le zone periferiche, i costi dei trasporti salgono talmente tanto che quello che si risparmia per un affitto alla fine viene speso negli abbonamenti per i mezzi pubblici.
      La scelta del quartiere in cui stare rimane comunque molto personale, in quanto ognuno si innamora di un posto diverso che poi diventerà la “sua Londra”. Ci sono quartieri caldamente sconsigliati come Lambeth, Elephant and Castle, Camden Road, Whitechapel e cosi via, ed è sempre una buona idea andare a consultare il sito della polizia londinese (Metropolitan Police London) che fornisce i dati della sicurezza dei vari quartieri.
      Per quanto riguarda il costo (sempre in zona 1 e 2), nella ricerca di una stanza consiglierei di non scendere al di sotto di 600 £ al mese per non avere spiacevoli sorprese quando visiterete la casa di persona. In generale, tra 650 e 750 £ si possono comunque trovare delle buone offerte.
      La cosa positiva del cercare casa a Londra è che ogni giorno vengono pubblicati annunci nuovi e l’offerta è molto ampia, quindi non bisogna demoralizzarsi se non si trova subito qualcosa. Però, tanto velocemente appaiono gli annunci, quanto rapidamente le case vengono affittate. Per questo, il mio consiglio è di dimostrare subito e in modo deciso il proprio interesse non appena si trova una stanza adatta, in quanto l’offerta potrebbe sparire già il giorno dopo.
    • In generale, come definiresti il costo della vita a Londra?
      Come tutti sanno, il costo della vita a Londra è molto alto. Tutto è costoso: dalla birra o bicchiere di vino al bar, fino alla casa ed ai trasporti urbani ed extraurbani (i treni sono costosissimi, soprattutto se comparati con l’Italia).
    • La lingua è stato un problema? Hai avuto difficoltà ad interagire con la gente locale? Hai seguito qualche corso?
      Sono arrivata in Inghilterra con un inglese che definirei scolastico e già così si sopravvive dignitosamente. Applicandosi un po’ (e cercando di evitare i propri connazionali così da dover essere costretti a parlare inglese) la lingua si impara molto velocemente raggiungendo anche ottimi livelli. Nei sei mesi non ho seguito nessun corso, la semplice sopravvivenza e il lavorare alla tesi mi sono bastati ad ottenere grandi miglioramenti.
    • E’ stato difficile adattarsi allo stile di vita di Londra (ad es. cucina, mezzi di traporto)?
      Londra è una città travolgente ed affascinante, in cui ognuno può ricreare il proprio angolo di casa e, allo stesso tempo, ampliare gli orizzonti entrando in contatto con altre culture e stili di vita. Ogni aspetto del vivere a Londra viene soddisfatto da un’ampia offerta: intrattenimento, night-life, cultura, cibo… Di certo non vi annoierete! Inoltre, i mezzi di trasporto sono estremamente efficienti, puntuali e abbastanza semplici da utilizzare, quindi, anche se si è in una grande città, non ci si sente mai realmente persi.
    • Le 3 difficoltà più grandi che hai incontrato nel tuo Erasmus a Londra
      Trovare casa, adattarmi alla casa stessa e accettare il tempo uggioso.
    • I 3 aspetti migliori del tuo Erasmus a Londra
      Londra, Londra e Londra.
      A parte gli scherzi, la città è meravigliosamente multietnica, offre milioni di stimoli e mi ha permesso di imparare e migliorare la lingua.
    • I 3 consigli che daresti alle persone che stanno per iniziare un Erasmus a Londra
      1. Iscriviti al gruppo Erasmus della tua università su fb, in modo da conoscere più gente possibile (soprattutto straniera) e non sentirti solo.
      2. Cerca di non condividere la casa con ragazzi italiani, per sfruttare al massimo l’occasione di imparare l’inglese.
      3. Ogni tanto prendi un autobus a caso, siediti nel piano superiore e lasciati portare in giro. Scoprirai angoli di Londra nascosti che magari diventeranno i tuoi preferiti. (NDR: fatti anche un piano tariffario che comprenda internet illimitato o comunque abbondante, in modo da avere sempre a disposizione Google maps che ti possa indicare I mezzi per tornare a casa).
    • Consiglieresti Londra come meta di un Erasmus?
      Assolutamente si. E’ una città che arricchisce chiunque ci vada quindi un Erasmus a Londra è un’occasione imperdibile.
    • Invece, se ce ne fosse occasione, ti trasferiresti a Londra?
      Essendo legata all’Italia non mi trasferirei a Londra per sempre, ma di sicuro passerei qualche anno vivendo lì.
    • Un saluto nella lingua locale! 🙂
      Hi!
About the Author

Martina

Sono Martina, abito a Padova e nella vita, oltre ad essere un’instancabile viaggiatrice, sono una Web Developer a tempo pieno. Amo la fotografia. Spero di riuscire ad ispirare chi, come me, è animato da una grande passione per la scoperta di posti nuovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *